Background Image
Previous Page  110 / 116 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 110 / 116 Next Page
Page Background

110

22_09_2015

Q&A

Dov’era a 18 anni?

Stavo fnendo il liceo al Berchet di

Milano. Ero impegnata nel movimento

studentesco e pensavo che il mio futuro

fosse nella Cgil.

Quando il giornalismo e la moda sono

entrati nella sua vita?

Ho sempre nutrito un forte interesse

per la cultura e l’attualità. Più che

Hemingway, mi ha infuenzato Topolino

giornalista...Scherzi a parte, la prima

assunzione è stata a Epoca: come ultima

arrivata, nell’81 sono stata spedita alle

sflate. Ci ho preso gusto io, ma anche

gli altri che mi leggevano. Fondamentale

anche l’esperienza a CorrierEconomia:

mi ha sempre interessato il rapporto tra i

numeri e la moda.

Come è nata la sua iconica acconciatura?

Sono una “rossa” da sempre e, per

quanto riguarda il taglio, volevo

qualcosa che mi incorniciasse il viso. Alla

scelta ha contribuito anche la reazione

alla fne di un fdanzamento.

A chi deve dire grazie?

A tanti: da Andreina Vanni, con cui ho

iniziato a lavorare, a Gianfranco Ferré e

molti altri. Ma un grazie speciale è per la

mia famiglia, per mio padre tramviere

(sì, come il papà di Carla Fracci) e

sindacalista di vecchio stampo. Amo

la mia milanesità e la metto in quello

che faccio: come si suol dire, ci vuole

profondità per parlare seriamente di

cose “leggere”.

Stili: chi butta giù dalla torre e chi salva?

Trovo volgari le bambolone: gonna

corta magari con “ginocchiotto”, tacco

altissimo o, peggio ancora, i platform.

Non mi convince l’hippy chic: fosse per

me, farei una legge che bandisce gli anni

Settanta dalla moda! Salvo lo stile di

donne come Inès de la Fressange, le due

sorelle Parodi, Alba Rohrwacher, Marta

Ferri, Ginevra Elkann, Ilaria d’Amico.

Cosa pensa delle blogger?

Mi sento lontana da questo mondo,

sono rimasta a penna e pennarello.

Di blogger ce n’è un esercito, ma non

capisco bene cosa facciano esattamente.

E poi ho una mentalità da paleolitico:

per me scrivere, fare pubblicità, dedicarsi

al design sono tutte cose diverse.

Cosa si aspetta da Milano Moda Donna?

Di sicuro qualche novità. Certo, gli

occhi saranno puntati ancora su Gucci,

sul quale per ora sospendo il giudizio.

La strada che Alessandro Michele sta

intraprendendo è interessante, ma

attenzione a mettersi tutti in ginocchio,

perché le ginocchia si screpolano...

Sono anche curiosa sul nuovo corso

di Emilio Pucci: un marchio che, dato

il suo bagaglio di storia e creatività,

rappresenta una sfda perenne.

Qual è il lato bello della moda che ha

visto e che non tornerà più?

L’entusiasmo di quando tutto ha avuto

inizio. Ricordo certe sflate meravigliose

di Armani, Montana, Gaultier, Ferré...

Oggi i fashion show devono durare

poco, si ha fretta.

Un nuovo stilista che segnalerebbe?

Arthur Arbesser. Per gli accessori

Giancarlo Petriglia. E Simone Marulli, un

giovane che mette gioia in quello che fa.

Giornalista e opinionista

GIUSI FERRÉ

«MILANESE,

RIGOROSA. PER

QUESTO PARLO

DI

MODA»

Direttore e Amministratore Delegato

Marc Sondermann (m.sondermann@fashionmagazine.it)

Caposervizio

Alessandra Bigotta (a.bigotta@fashionmagazine.it)

Redazione

Elena Azzola (e.azzola@fashionmagazine.it),

Andrea Bigozzi (a.bigozzi@fashionmagazine.it),

Elisabetta Campana (e.campana@fashionmagazine.it),

Elisabetta Fabbri (e.fabbri@fashionmagazine.it),

Carla Mercurio (c.mercurio@fashionmagazine.it),

Angela Tovazzi (a.tovazzi@fashionmagazine.it)

Segreteria di redazione

Tatiana Tincani (t.tincani@fashionmagazine.it)

Realizzazione grafca

Nadia Blasevich, Carlo Maraschi, Laura Marcarini

Collaboratori

Mariella Barnaba, Alberto Corrado, Marcelo Crescenti,

Peppe Orrù (Londra),

Giuliana Poletto (Parigi),

Cristiana Lopez (New York)

Direttore pubblicità

Stefano Giordano (s.giordano@fashionmagazine.it)

Pubblicità e promozione

Ilaria Roberta Galli (i.galli@fashionmagazine.it)

Daniela Locatelli (d.locatelli@fashionmagazine.it)

Stephanie Ouadfel (s.ouadfel@fashionmagazine.it)

Barbara Sertorini (b.sertorini@fashionmagazine.it)

Uffcio traffco

Stefania Aguanno (traffco@fashionmagazine.it)

Segreteria e servizi

Valentina Capra, Tiziana Grazioli

(fashion@fashionmagazine.it)

Amministrazione

Cristina Damiano, Ester Miazzo

Diffusione e abbonamenti

Daniele Costanzo (abbonamenti@fashionmagazine.it)

Edizioni Ecomarket Spa

Redazione, Amministrazione, Pubblicità: piazza Pio XI 1,

20123 Milano

telefono: 02 80620-1

telefax: 02 80620-444 (redazione) -

02 80620-333 (pubblicità e abbonamenti)

Edizioni Ecomarket Spa

Fashion - Il magazine di news, business e trend

Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 389 del 6-11-1970

Iscrizione n. 1418 al ROC Registro Operatori della Comunicazione

Direttore responsabile Gianni Passavini

È vietata la riproduzione anche parziale

Articoli, disegni e fotografe, anche se non pubblicati,

non verranno restituiti

© Fashion 2015 Edizioni Ecomarket - Milano

Abbonamento annuale 185,00

e

(quindicinale) - c/c postale n. 16879207

È possibile richiedere gratuitamente la rettifca o la cancellazione scrivendo a:

Edizioni Ecomarket Spa - servizio abbonamenti - piazza Pio XI 1 - 20123 Milano

Numeri Arretrati: 11,00

e

cad

L’editore garantisce che i dati forniti dai sottoscrittori degli abbonamenti

vengono utilizzati esclusivamente per l’invio della pubblicazione come quelli

relativi agli invii in omaggio

non vengono ceduti a terzi per alcun motivo.

Garanzia di riservatezza per gli abbonati in ottemperanza

al D. Lgs. n.196/2003 (tutela dati personali)

Pre-press: CLX Europe spa - Via dell’Artigianato 8/b - 37135 Verona

Stampa: Vela Web Srl - Via Copernico 8 - 20082 Binasco (Mi)

Distribuzione esclusiva per l’Italia:

MEPE Distribuzione Editoriale

Via Ettore Bugatti, 15 - 20142 Milano

Fashion fa parte del Gruppo DFV

Verlagsgruppe Deutscher Fachverlag

www.dfv.de

Le altre testate moda del gruppo sono:

TextilWirtschaft, Frankfurt;

TextilJurnal, Praha;

Sportswear International, Frankfurt;

ÖTZ Österreichische Textil Zeitung, Wien;

DivatMarketing, Budapest;

Images Business of Fashion, New Delhi.

Ilmagazinedinews,business e trend

a cura di

Alessandra Bigotta

A true-born Milanese, Giusi Ferré at 18

thought that she would become a trade

unionist. But she put her curious, witty,

one-of-a-kind personality at the service

of journalism and fashion.